Il 2020 l’anno delle Pod!

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

Cosa sono le Pod? Le Pod sono quelle sigarette elettroniche tendenzialmente più piccole rispetto a quelle a cui ci siamo abituati in questi anni, e a oggi svolgono un ruolo molto rilevante nel mondo del vaping. La loro portabilità e semplicità d’uso ha fatto si che avessero una grandissima diffusione nel pubblico, la cosa divertente è che questa diffusione non ha coinvolto solo i nuovi svapatori, ma anche e sopratutto quella categoria che in gergo chiamiamo hard vapers. La cosa in effetti sembra curiosa, ma se ci pensiamo bene ha ababstanza senso. Perché vi starete domandando, be è abbastanza semplice, la comodità abbinata a buone rese aromatiche e a una semplicità di utilizzo disarmante, hanno fatto si che anche il più smanettone comprasse almeno una pod per poter uscire con gli amici senza l’ansia di non aver rigenerato l’atomizzaotre prima di uscire di casa!

Tornando al titolo dell’articolo, il 2020 sarà l’anno delle pod per un motivo molto semplice, questi strumenti, hanno raggiunto un ottimo livello di ottimizazione, mi spiego meglio, non è stata inventata l’acqua calda con le pod, è semplicemente stato rivisto e corretto tutto quello che già esisteva in passato, in quei sistemi che venivano utilizzati nel lontanto 2011 e 2012 e che molto spesso davano problemi all’utenza! Serbatoi che perdevano, poco vapore, aroma inesistente, coil che si bruciavano a nastro, e via dicenmdo. In questi giorni guardando qualche video di alcuni youtuber ho sentito una cosa che mi ha colpito, se le pod attuali fossero esistite nel 2012 oggi avremo certamente 6 Milioni di Svapatori!

Con le pod grandissima parte di queste problematiche è stata risolta! Quindi se pensiamo a tutti coloro che vogliono smettere di fumare, dobbiamo anche pensare che una pod probabilmente farà al caso loro, magari con una batteria aggiuntiva per permettere all’utente di arrivare a fine giornata, ma sicuramente è un sistema che andrà a sostituirsi completamente o quasi a quelli che oggi noi chiamiamo starter kit!

Questo perchè il “lavoro” che sta dietro a una pod per l’utente, è veramente minimo o addirittura inesistente, una volta che ci siamo ricordati di mettere il liquido nella cartuccia, e che ogni tanto questa cartuccia va cambiata, il gioco è fatto e all’utente non resta che svapare!

Quale è la pod migliore secondo me? Secondo me la Zeep di UD è veramente un ottimo compromesso tra aroma qualità del tiro e quantità di vapore, semplice e comoda da usare, sensa dimenticare il filtrino in carta che è la cosa che soltamente più manca a chi vuole smettere di fumare! Quindi non vi rimane che provare voi stessi e giudicare!

Lascia un commento

Chiudi il menu
×
×

Carrello